mal d'orecchio invernale

04 gen 6 utili consigli per affrontare il mal d’orecchio invernale

Il freddo è arrivato! Durante questa stagione siamo soggetti è difficile scappare da mali stagionali come raffreddore o influenze, ma con alcune accortezze possiamo rendergli le cose non facili.

Alcune parti del corpo sono più sensibili e delicate rispetto ad altre e sono facilmente attaccabili da virus. Le orecchie sono particolarmente a rischio nella stagione invernale e richiedono maggiore protezione. Clima rigido, sbalzi di temperatura, vento e umidità possono, infatti, mettere in pericolo il benessere delle orecchie. E non solo nei bambini, che spesso consideriamo più esposti ai malanni in questa parte del corpo, ma anche per gli adulti e gli anziani.

Come proteggere le nostre orecchie dal freddo?

  • Utilizza dei paraorecchie/cappelli e ampie sciarpe proteggendo l’intero padiglione auricolare.
  • Ricorda di asciugare sempre con cura le orecchie dopo aver fatto la doccia o il bagno e dopo aver nuotato in piscina.
  • Utilizza in modo corretto e non troppo spesso, in particolare nei bambini, i bastoncini di cotone per pulire l’orecchio.
  • Quando asciughi i capelli, tieni il getto del phon lontano dalle orecchie perché l’aria troppo calda può influire sul benessere dell’orecchio interno.
  • Non esagerare con i cibi salati: il sodio presente nel sale può facilitare la ritenzione idrica e quindi far accumulare liquido che provoca gonfiore nella parte più interna dell’orecchio.
  • Attenzione se siete raffreddati e dovete prendere un aereo: la compressione e la decompressione in atterraggio e in partenza possono provocare un dolore anche molto intenso all’orecchio.

Nel caso in cui sia stato colpito dal mal d’orecchie è necessario fare al più presto una visita dal medico.

Il mal d’orecchie è un sintomo che può essere collegato a diverse cause. Oltre al raffreddamento infatti altre cause possono essere riconducibili a tappi di cerume, trauma all’orecchio, barotrauma, ostruzione delle tube di Eustachio, infezioni, mal di denti e ascessi ai denti, sinusite, artrosi cervicale e dolore alla cervicale. Senza eccessivi allarmismi, dunque, la prima cosa che dobbiamo fare è rivolgerci al medico di famiglia. Eventualmente poi seguita da una visita specialistica dal medico otorinolaringoiatra.